Malum granatum”, ovvero mela con i semi: è questo il nome che gli antichi romani hanno dato alla melagrana, ma l’origine del frutto è molto più antica: risale fino agli Antichi Egizi. Essi ne apprezzarono le virtù medicamentose, tanto da raffigurarla nelle tombe già nel 2500 a.C.

Con il suo succo si producevano una bevanda “miracolosa” che si narrava potesse salvare l’umanità dalla distruzione.

Alla melagrana è stato associato un valore simbolico legato alla sfera femminile, in particolare alla fecondità e alla fertilità;  poiché infatti è  ricca di fitoestrogeni, composti vegetali simili agli estrogeni prodotti dal corpo della donna.

Oggi, è uno dei frutti protagonisti della stagione autunnale e viene considerato un vero e proprio “superfood”. E’ classificato tra quei cibi funzionali che godono di spiccate proprietà benefiche per l’organismo. La melagrana, infatti, è un concentrato di antiossidanti, così come emerge dal suo colore rosso acceso e la sua pigmentazione esalta evidenzia un alto contenuto di fitocomposti con azione fortemente antiaging: il licopene e le antocianine.

In associazione a queste sostanze benefiche è presente la vitamina C in notevole quantità; questa vitamina idrosolubile contribuisce al mantenimento della normale funzione del sistema immunitario e alla  formazione del collagene grazie anche presenza dell’acido ellegico. Oltre a ferro, rame, zinco e sodio, la melagrana è un concentrato di potassio, minerale fondamentale per gli sportivi dopo uno sforzo muscolare, ma altrettanto utile per le donne che soffrono di ritenzione idrica: il suo succo è un  vero e proprio “anticuscinetti” e anti adipe poiché ricco in acqua e con pochissime calorie, perciò quindi un potente diuretico naturale.

I chicchi dovranno essere di color rosso vivo, solo così si avranno a disposizione tutte le sostanze anti-aging; l’azienda Spreafico con il suo marchio altamente specializzato di frutta di quarta gamma “Frueat”, seleziona i frutti migliori proponendo al consumatore solo prodotti di alta qualità e pronto all’uso, ideali per il consumo in ogni momento della giornata.

Come si può utilizzare al meglio la melagrana in cucina?

Il modo migliore per godere di tutte le sue proprietà benefiche è di mangiarla al naturale o, meglio ancora, di condirla semplicemente con un po’ di succo di limone o pompelmo rosa: si tratta di un ottimo spezzafame sano e funzionale, ricco di vitamina C e sostanze anti-aging.

Invece, usando un pizzico di fantasia, può  diventare un ingrediente aggiuntivo ad altra frutta di stagione per preparare delle macedonie di frutta colorate, ideali per la merenda dei bambini.

I chicchi di melagrana si abbinano anche a piatti salati,
dalle insalate di cavolo rosso o di finocchi e alle insalate di cereali come farro, riso integrale ed orzo.

Ecco una RICETTA FUNZIONALE PER LA COLAZIONE o un DESSERT LIGHT: IL CHIA PUDDING

Servirà del latte di cocco oppure una bevanda vegetale (mandorla, avena o riso), farina di cocco, semi di chia, chicchi di melagrana e frutta secca a piacere (noci, mandorle o nocciole). Mescolare i semi di chia con il latte di cocco e lasciare riposare per una notte intera; al mattino guarnire a piacere con la melagrana e la frutta secca.

Super facile, goloso e light!!

©2020 Manuela Mapelli | Biologa - Nutrizionista | P. IVA: 03456770134 | Via Vittorio Veneto, 13 - Lecco | +39.347.2379913 - manumapelli@gmail.com | Privacy Policy

Log in with your credentials

Forgot your details?