Spesso mi trovo nella situazione in cui un paziente fa questa affermazione: “non voglio e non riesco a rinunciare al biscotto”!

E’ una “dipendenza” / abitudine (preferisco definirla così) assai comune, il classico biscottino con il caffè oppure dopo cena o prima di andare a letto.

Non ci si rende assolutamente conto che, a parità di calorie, spesso 5-6 biscotti frollini medi superano un piatto medio di pasta al sugo; con la differenza che vi è una composizione nutrizionale diversa, nettamente migliore nella pasta, priva di zuccheri semplici e grassi saturi. Inoltre, il potere saziante dei biscotti è scarso poiché il contenuto zuccherino è elevato come anche il suo indice glicemico.

Questo “bisogno” incondizionato di mangiare il biscottino, deriva da 2 ragioni in particolare:

  1. PSICOLOGICA: La necessità di “comfort food” ovvero quei cibi che ci consolano e che fungono da antistress, che sembrano miracolosi in quel momento ma che poi si rivelano un boomerang che ci fa sentire in colpa
  1. BIOCHIMICA: la dieta sbilanciata e ricca di zuccheri semplici induce a mangiare e cercare sempre cibi zuccherini.

 

CHE STRATEGIA ADOTTARE? 

Non è il caso di privarsene ma, di imparare a SCEGLIERE CONSAPEVOLMENTE!!

 

COSA NON FARE:

  • seleziona, al supermercato, dei prodotti con un contenuto elevato di fibra, poveri di zuccheri e grassi saturi
  • Impara a leggere le etichette nutrizionali: se vedi come secondo ingrediente lo zucchero, allora questo prodotto ne contiene troppo!!!!
  • evita i prodotti con la scritta “light” o “senza grassi”, sicuramente avranno altri ingredienti che li sostituiscono
  • se vedi scritto “sciroppo di fruttosio o glucosio” è comunque zucchero che crea forte dipendenza e innalza la tua glicemia
  • non farti “ingolosire” dalle novità al supermercato.. giustamente loro le devono vendere ;)) ma non a te!

COSA FARE, ECCO LE STRATEGIE VINCENTI:

  • prepara i tuoi biscotti a casa, è la scelta migliore. Gli ingredienti verranno selezionati da te e puoi evitare zuccheri semplici, grassi saturi e additivi poco salutari.
  • Riordina le tue abitudini alimentari, solo così la tua “dipendenza” dallo zucchero verrà meno e ne sentirai meno il desiderio
  • Leggi e copia la mia ricetta per questi biscottini deliziosi per i tuoi spuntini e/o colazioni
  • Con 1 biscotto, mangia sempre 4-5 mandorle, placano la fame nervosa e ti saziano tenendo a bada la glicemia.

 

RICETTA:

Ingredienti: 

3 cucchiai di crusca di avena bio, 1 cucchiaino di bicarbonato o lievito per dolci, 1 uovo da galline felici, 3 cucchiai di yogurt greco 2% naturale o vegetale, 2 cucchiai di eritritolo o stevia, 1 cucchiaio di semi di sesamo, 1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere.

Procedimento: 

Dividi l’uovo e mescola il tuorlo con lo yogurt, il lievito o bicarbonato, la vaniglia, i semi di sesamo e l’eritritolo; unisci poi la crusca di avena. Monta a neve l’albume e uniscilo al composto mescolando bene.

Ricava dei biscottini stendendo bene l’impasto con un mattarello; accendi il forno e prepara una teglia con carta da forno e fai cuocere i tuoi biscotti per 15 minuti a 180°C. 

BUON APPETITO!!!!

©2021 Manuela Mapelli | Biologa - Nutrizionista | P. IVA: 03456770134 | Via Vittorio Veneto, 13 - Lecco | +39.347.2379913 - manumapelli@gmail.com | Privacy Policy

Log in with your credentials

Forgot your details?