Quante volte ci siamo domandati quando è meglio mangiare la frutta? Oppure abbiamo sentito che mangiarla dopo il pasto fa male perché causa gonfiore o rallenta la digestione.. ma cosa c’è di reale in tutto ciò? Molto poco.

Effettivamente, per chi soffre di problematiche specifiche soprattutto a livello intestinale, è consigliato mangiare la frutta lontano dal pasto, ma per tutte le altre persone, non vi sono “pericoli”.

Per chi rappresenta un OSTACOLO? 

Come afferma l’ISS (Istituto Superiore di Sanità), la frutta è ricca di fibre e oligosaccaridi, che possono rallentare il transito del cibo a livello intestinale e, conseguentemente, scatenare dei processi fermentativi. Questi si traducono in meteorismo, gonfiore addominale e talvolta crampi nei soggetti più sensibili e che soffrono di: colite ulcerosa, IBS – sindrome del colon irritabile e meteorismo.

Fatta eccezione per questa nicchia di persone, mangiare frutta a fine pasto può rappresentare un VANTAGGIO, anzi notevoli sono i BENEFICI:

  • gli zuccheri vengono rilasciati più gradualmente di quando si mangia a digiuno quindi si avrà una minore risposta ormonale (insulina) la quale causa, in caso di stomaco vuoto, un rapido ritorno del senso di fame (tipico vuoto di stomaco dopo aver mangiato una mela a metà mattina).
  • la vitamina C contenuta migliora l’assorbimento di minerali fondamentali come il Ferro (ad esempio, gli spinaci sono fonte di ferro ma senza vitamina C esso verrà assorbito in minima parte).
  • E’ un fine pasto sano e alternativo al classico dolcetto, spesso controproducente se si sta seguendo un regime dietetico controllato.

 

 

 

 

Certo, se si pensa alla merenda, viene subito in mente una bella e succosa mela oppure una fresca macedonia o una fetta gigante di anguria, soprattutto in estate. La frutta è uno snack genuino, senza conservanti e coloranti come la soluzione proposta da Spreafico con FruEat http://www.frueat.it, frutta pronta da gustare, già pulita e lavata, senza la fatica di doverla preparare.

L’azienda ha a cuore la salute e il benessere del suo consumatore coniugando anche la praticità e il rispetto dell’ambiente; si, perché ogni sua confezione è realizzata con materiale riciclato e riciclabile, forchettina compresa!

Quindi, quali sono i BENEFICI di mangiare la FRUTTA FUORI DAI PASTI?

  • E’ uno snack sano ogni giorno assicurandosi vitamine e sali minerali;
  • E’ un alleato per la dieta in particolare modo per chi segue un regime ipocalorico
  • Avere una merenda sana per i bambini e gli sportivi, magari abbinata ad uno yogurt bianco intero oppure a della frutta secca come noci, nocciole e mandorle
  • Disporre di una fonte preziosa di antiossidanti quindi un elisir di giovinezza che combatte i radicali liberi cioè quelle molecole dannose che “invecchiano” le nostre cellule;
  • Garantire un’ottima alternativa per non arrivare troppo affamati a pranzo o cena, rischiando di compromettere la dieta;
  • Fare un pieno di fibre che aumentano il senso di sazietà e acqua, fondamentale per la nostra idratazione.

Concludendo, la frutta, salvo eccezioni particolari, è un amico della nostra salute e fa bene in ogni momento della giornata ed è molto importante il suo consumo, senza chiaramente eccedere; la quantità varia dai 400 ai 600 g al giorno. Spreafico ci aiuta dandoci già le vaschette pronte e porzionate, comode da portare al lavoro, all’università, a scuola o in palestra.

Il mio consiglio? La frutta è sempre presente nei miei spuntini abbinata a 3 noci o 6-8 mandorle!

©2020 Manuela Mapelli | Biologa - Nutrizionista | P. IVA: 03456770134 | Via Vittorio Veneto, 13 - Lecco | +39.347.2379913 - manumapelli@gmail.com | Privacy Policy

Log in with your credentials

Forgot your details?